Soprintendenze Archeologiche

 

 

 

La rubrica di Archeonews dedicata alle curiosità del mondo dell' Archeologia

Se vuoi segnalare una curiosità  mandaci una e-mail!!

I popoli della mesopotamia

Vai alla pagina delle associazioni

Vai ai messaggi

Vai alla rubrica sulla preistoria

I Maya

Vai alla rubrica Antichi Romani

Dipartimenti Archeologici Universitari

 

 

Il Numero 17  
 

Ci sono gesti, modi di fare, di dire che sono ormai radicati nella cultura di ognuno di noi, tant'è che spesso sono attuati in modo inconsapevole.

fra questi il rifiuto, più o meno conscio, del numero 17.
Questa ricusazione risale, press 'a poco, ai tempi in cui il latino era lingua universale e cela in sé un pericoloso gioco di parole.
Il 17 si scriveva infatti XVII che anagrammato risultava VIXI = ho vissuto, sono morto.

inviata da Elena Tosi

Babbo Natale   

Chi era Babbo Natale, e perchè viene raffigurato con una lunga barba bianca? Santa Claus è un personaggio derivato dalla cultura del nord europa. In realtà si tratta di un personaggio ben noto agli italiani: San Nicola di Bari (o di Mira) famoso per i suoi atti caritatevoli. Questo Santo è inoltre patrono della Grecia e della Russia e protettore dei naviganti. Durante il medioevo il suo culto divenne molto famoso, e si sparse in tutta quanta l'Europa così da arrivare anche nei paesi nordici dove il suo nome divenne Santa Claus, storpiato dal Latino Sanctus Nicolaus.

Pubblicità nell' antichità 

Ma quanti anni ha la pubblicità? Con precisione questo non si sa, tuttavia già era molto in voga presso i Romani. A Pompei ancora oggi è possibile vedere, lungo gli intonaci esterni di alcune case, dei messaggi di propaganda elettorale che invitavano il cittadino a votare per questo o quel candidato

Ti vendo un bosco da 50 maiali  

Nel medioevo le unità di grandezza non erano state unificate (del resto non lo sono neanche ai gironi nostri), i contadini, i mercanti e chiunque doveva effettuare una qualsiasi misura si affidava a parametri di confronto che conosceva bene per esperienza e sui quali poteva fare quindi un relativo affidamento; ad esempio nella vendita di un bosco si soleva indicare il numero di ghiande che le querce presenti nell' appezzamento fornivano e che avrebbero potuto sfamare un certo numero di maiali. Nell' epoca dei computer e della telemetria, bisogna dire che questi metodi non sono scomparsi del tutto, chiunque al giorno d'oggi desidera avere un forno a legna, dovrà specificare al mastro carpentiere per quanti pani lo vuole e non di quanti metri cubi.

La Regola Sanitaria Salernitana

E' un trattato divulgativo di prevenzione sanitaria del XIII secolo. Al suo interno si possono trovare dei precetti da seguire  per vivere in salute. Alcuni di questi sono ancor oggi molto validi, altri invece per niente.Ad esempio la Regola raccomanda di non adirarsi, di bere moderatamente, di consumare pasti leggeri di non trattenere a lungo le urine. Ma anche di mangiare poche noci, infatti dopo la carne una sola è buona, due sono nocive e tre danno la morte!!!  

Dall' Egitto:

Un'equipe di archeologi italiani è venuta a capo di un piccolo mistero, riguardante degli oggetti a forma di culla o slitta, che sono stati rinvenuti durante alcuni scavi in Egitto. Queste "culle" servivano per alzare i massi di piccole dimensioni destinati alla costruzione delle piramidi. Bisogna sottolineare che invece i pesi maggiori venivano mossi mediante sistemi di piani inclinati. Il sistema era molto semplice, si caricava la slitta, la si faceva basculare su un fianco, in modo da lasciare un lato della stessa sollevato, sotto questo lato venivano inseriti degli spessori, poi si ricominciava con l'altro fianco, in questo modo si riusciva a far alzare la slitta con il suo carico di parecchi cm.

Il quadrato di Arepo:

La prima curiosità di Archeonews è il quadrato di Arepo (o Arepone), che è una tavoletta con incise delle lettere a guisa di tabella. La particolarità della suddetta tavoletta è che da qualunque parte la si legga  essa restituisce sempre la stessa frase "Sator Arepo tenet opera rotas" che in italiano dovrebbe significare il coltivatore Arepone mette o tiene in opera il carro (rotas). Il quadrato è stato ritrovato negli scavi di Pompei e dovrebbe rappresentare una specie di "tavola pitagorica" con delle lettere al posto dei numeri. A cosa servisse non è chiaro.          

                                                                                                

Schema del quadrato di Arepo, come si può vedere esso restituisce la stessa   frase da qualunque parte lo si legga.

 

[Home][Associazioni][Dipartimenti][Curiosità][Egitto][Etruschi][Libri][Maya][Mesopotamia][Messaggi][Mostre][Musei]
[Preistoria][Romani][Scrivi][Soprintendenze]

Copyright worldwide all rights reserved